dispositivi elettroniciSapete come controllare il tempo che trascorrete davanti ai dispositivi elettronici evitando che diventi una dipendenza? Avete una comprensione del potere latente degli schermi luminosi sempre accesi nelle vostre case?

Che mi dite degli oggetti luccicanti nelle vostre mani e a portata di mano? Li usate per il bene o il male?

“Ci sono scoperte latenti con un potere così potente, sia per la benedizione o la distruzione di esseri umani, quanto per rendere la responsabilità dell’uomo nel controllarli la più gigantesca mai messa nelle mani umane …

Questa epoca è piena di pericoli illimitati, così come di possibilità mai raccontate“  (David O. McKay, conferenza generale dell’ottobre 1966).

Dispositivi elettronici come controllarli

In un discorso al centro d’Istituto chiamato Le cose come sono realmente, David A. Bednar ha parlato delle possibili insidie ​​dell’uso di internet.

Quattro anni dopo alla BYU in un discorso intitolato Spazzare la terra come con un diluvio, l’Anziano Bednar si è espresso sul potenziale positivo dello stesso strumento.

Sii coraggioso e onesto; controlla l’uso degli schermi facendoti queste due domande dell’Anziano Bednar:

L’uso di varie tecnologie e media invita o impedisce la costante compagnia dello Spirito Santo nella vostra vita?

Il tempo che passate con le varie tecnologie e media allarga o limita la vostra capacità di vivere, amare e servire in modo significativo?

Se questa parte della vostra vita avrebbe bisogno di una sistemata, sono qui per aiutarvi. Ho ridimensionato il mio tempo sullo schermo per oltre sei anni e mezzo. Sarò onesto: non è facile. Ne vale la pena? Completamente.

Alcune idee su come controllare il tempo che trascorrete davanti ai dispositivi elettronici

Se avete bisogno di diminuire il tempo che trascorrete sul vostro smartphone, o vedere dei video o giocare al computer, navigare in rete, sui social media o guardare la TV e i film, qui di seguito ci sono esposte alcune idee per aiutarvi a stilare un piano d’azione personale.

Nutrire relazioni reali

Cosa rende il tempo sullo schermo così avvincente?

Ci sono così tante risposte a questa domanda, ma eccone una: risponde al bisogno universale di interazione sociale.

Le app dei social media e i videogiochi con funzionalità di chat ci consentono di comunicare senza tutte le vulnerabilità e gli inconvenienti dell’interazione sociale faccia a faccia. Anche i film e i programmi TV possono dimostrare le relazioni che vorresti avere nella vita reale.

I ricercatori di psicologia hanno recentemente scoperto una verità sorprendente: l’antidoto per la dipendenza sono i rapporti. I veri rapporti con tutti i loro pericoli e inconvenienti, perché non c’è alcun sostituto più vero dell’interazione faccia a faccia.

Quando vi ritrovate a fuggire, non siate troppo duri con voi stessi. Questo vi farà solo sprofondare in una vergogna improduttiva.

Invece, potreste semplicemente vederlo come un’indicazione di un bisogno, una necessità di interazione reale. Quindi trasformate il vostro problema in un’opportunità.

Cosa potete fare per fare nuove amicizie? Come potete formare relazioni più profonde con i vecchi amici e la famiglia? Chi potete servire nella vostra vita?

Le relazioni più importanti che potete forgiare sono con il vostro Padre Celeste, il vostro fratello maggiore, Gesù Cristo e con il vostro migliore amico, lo Spirito Santo.  

C’è una realtà ancora più profonda in quelle relazioni, una realtà più forte della vista, che può riempire i buchi del cuore lasciati dall’uomo mortale.

Le relazioni virtuali sono come le caramelle, mentre le interazioni nella vita reale sono come un buon pasto, ma Gesù Cristo è il pane della vita.

Stabilire una routine significativa

La dipendenza è come l’erbaccia, abbastanza persistente. Ci vuole tempo e cura per sradicarla. Tuttavia, non c’è niente di più deprimente di un fazzoletto di terra vuoto. Prendetevi del tempo per piantare dei fiori.

Quali sono i fiori? Sono le attività positive e significative della vita quotidiana.

Ecco alcune domande su cui riflettere quando pensate di riformare la vostra routine:

  1. Quali attività trovate sia impegnative che coinvolgenti? quali sport? O suonare uno strumento? Leggere? Progetti artistici? Organizzare? Come potete incorporarli più regolarmente nella vostra vita?
  2. Vi piace il vostro lavoro o svolgere i compiti scolastici? In caso contrario, cosa potete fare per cambiarlo?
  3. Dedicate del tempo per studiare le Scritture alla stessa ora ogni giorno? Vi porta nutrimento spirituale? In caso contrario, quali adeguamenti potete apportare per godervi al meglio il vostro studio?
  4. Pregate ogni mattina e sera? Vi sentite collegati a Dio quando lo fate?
  5. Avete una routine di esercizi fisici consolidata? Altrimenti, come potete incorporarla più regolarmente nella vostra vita?

Ricordate, iniziate un passo alla volta. I migliori cambiamenti sono quelli che durano e quelli che durano di solito, sono quelli che a prima vista sembrano realistici.

Impostate limiti ben definiti

Le forme più avvincenti di tecnologia sono spesso quelle che non hanno fini predefiniti.

Un film di Redbox, ad esempio, ha una fine ben definita. Devi lasciare la tua casa per tornare di più. Devi anche pagare ogni volta.

Servizi di streaming come Netflix, Hulu e YouTube, strumenti come app per telefono o social media e molti giochi virtuali offrono quantità illimitate di intrattenimento per poco o per niente.

Se scegliete di utilizzare qualsiasi tipo di tecnologia che non abbia una fine predefinita, è importante stabilire dei limiti di tempo per voi e la vostra famiglia. Anye Kamenetz, l’autore di The Art of Screen Time, raccomanda un’ora al giorno.

Certo, può essere difficile attenersi a questi limiti. Potreste voler pubblicare il vostro obiettivo su Facebook o riferire regolarmente a un amico o un familiare. La responsabilità sociale può fare molto per controllare il comportamento.

Provate il filtro Internet

filtro InternetIl filtro di Internet non è solo per tossicodipendenti o genitori e bambini. È per tutti coloro che lottano con il monitoraggio del tempo e della produttività dello schermo sul web.

Ecco alcuni servizi che ho usato e consigliato:

Open DNS è un software gratuito per il filtraggio di internet. È personalizzabile e consente all’utente di selezionare non solo un livello di filtraggio ma di bloccare l’accesso a domini specifici, come Netflix.com o YouTube.com. Può essere una risorsa preziosa, ma ha alcune limitazioni.

Se siete disposti a sborsare un po’ di soldi per un controllo più personalizzabile, Net Nanny è considerato il miglior servizio di filtraggio di internet sul mercato.

Potete chiedere a un familiare fidato o compagno di stanza di essere l’amministratore dell’account. Possono impostare nome utente e password e non è possibile accedere al dashboard.

Se avete un po’ più di fiducia nel vostro autocontrollo, potreste scoprire che il semplice fastidio di cambiare queste impostazioni di filtro è l’unico promemoria che vi serve per scoraggiarvi da quei siti web che fanno perdere tempo.

Prendete del tempo per staccare la spina

Solo due settimane e mezzo fa, ad una conferenza generale, l’Anziano Ballard ci ha avvertito amorevolmente: “Se non troviamo il tempo di staccare la spina, potremmo perdere occasioni per ascoltare la voce di Colui che ha detto: ‘Stai calmo e sappi che io sono Dio. ‘”

Ecco alcune cose che potete fare per allontanarvi dagli schermi per un po’:

  •         Fate una passeggiata nel parco.
  •         Pianificate un’escursione di un giorno in una zona remota.
  •         Provate un social media veloce o una pausa dal tuo telefono un giorno alla settimana o al   mese.
  •         Fate un patto con gli amici per mettere via i telefoni quando esci a pranzo insieme.
  •         Nel vostro tragitto al lavoro, spegnete la musica e parlate invece con Dio.
  •         Aprite le vostre scritture di carta e il taccuino e studiatele.
  •         Provate la meditazione o lo yoga.

Consentite a voi stessi di provare dolore

Qualche settimana fa, stavo guidando in macchina ascoltando una canzone di Rob Gardner. Questo scatenò un’improvvisa, inesplicabile ondata di tristezza. Ho istintivamente preso il mio telefono per sfuggire al dolore.

Poi ho cambiato idea, ho lasciato il telefono da solo e ho pianto. Mi sono permesso per una volta di essere solo con i miei sentimenti, di essere sopraffatto da loro, di viverli davvero.

E in quel processo, ho scoperto, in un modo che sta diventando sempre più straniero e raro per il nostro mondo, il sollievo di strisciare fuori dal buco della miseria da solo.

Lo scrittore Andrew Sullivan del New York Magazine ha descritto un’esperienza simile nel suo primo ritiro di meditazione. I partecipanti hanno consegnato i loro dispositivi elettronici il primo giorno e hanno vissuto il resto del loro tempo principalmente in silenzio.

Il terzo giorno, stava camminando attraverso una foresta quando improvvisamente si sentì sopraffatto. I ricordi dolorosi dell’infanzia riemergevano come vecchie ferite strappate di nuovo.

“Ho deciso di prendere una certa distanza cercando di descrivere quello che sentivo”, ha detto. “Le due parole” sofferenza estrema “hanno vinto il concorso di denominazione nella mia testa.

E quando ho avuto la mia sessione di consulenza di 15 minuti con il mio consulente assegnato il giorno dopo, le parole continuavano a ruzzolare. Dopo la mia confusa e angosciante confessione, mi guardò, un sopracciglio alzato, con un mezzo sorriso beato. “Oh, è perfettamente normale”, ha commentato calorosamente.

‘Non preoccuparti. Sii paziente. Si risolverà da sé. “E col tempo, lo ha fatto. Il giorno seguente, i sentimenti cominciarono a diminuire, la mia meditazione migliorò, la tristezza si trasformò in una sorta di calma e riposo.

Ho sentito altre cose dalla mia infanzia – la bellezza delle foreste, la gioia degli amici, il sostegno di mia sorella, l’amore di mia nonna materna. Sì, ho pregato e pregato per il sollievo.

Ma questo sentimento di sollievo non sembrava un intervento divino, per non parlare del risultato di uno sforzo, ma piuttosto di un processo naturale di rivisitazione, guarigione e recupero. Sembrava un dono antico, sepolto da tempo. “

Rendete l’intrattenimento un evento sociale

Social mediaDopo anni di dipendenza dai dispositivi elettronici, ho trascorso il mio ultimo semestre al college limitando l’uso del mio computer a laboratori scolastici e biblioteche e guardando un solo film alla settimana.

Questi film, una volta alla settimana, sono diventati eventi sociali con amici e compagni di stanza, il che mi ha aiutato a scegliere un intrattenimento di qualità e a controllare i miei limiti.

Anye Kamenetz è il Michael Pollan di Screen Time. La tesi di Kamenetz per il suo libro The Art of Screen Time è “Godetevi i dispositivi elettronici, non troppo, soprattutto insieme”.

Kamenetz riporta che usare Sky, ad esempio, può essere un ottimo modo per bambini e bambini di interagire con i propri cari che vivono lontano. Sviluppano abilità e relazioni linguistiche.

Kamenetz suggerisce anche che le scuole e i compiti che coinvolgono i computer siano un’attività sociale. La ricerca indica che 2-4 bambini su un computer possono comportare maggiore produttività, apprendimento e lavoro di squadra.

L’istruzione mediante l’intrattenimento

Sia i bambini che gli adulti possono imparare un po’ attraverso la tecnologia educativa.

Fred Rogers era un avido sostenitore della televisione educativa, e sapete una cosa? Lui aveva ragione. Spettacoli come Mr. Roger’s Neighboorhood e Sesame Street possono insegnare ai bambini numeri, lettere e anche abilità sociali.

Noterete inoltre che questi spettacoli in genere non promuovono modelli di uso compulsivo. Quante persone conoscete che si svegliano nel cuore della notte per guardare documentari o che vogliono guardare il canale Focus tutto il giorno?

Fate una lunga pausa

Se avete trascorso anni immersi in Netflix, social media e videogiochi, potrebbe essere il momento giusto per darci un taglio. Prendetevi tutto il tempo che vi serve. La mia pausa è durata tre anni. Ma come potete farlo e sopravvivere in questo mondo guidato dalla tecnologia? Ecco alcune idee:

  •         Chiedete a un compagno di stanza o a un familiare di cambiare la password di internet in modo da non avere più accesso a casa. Potete utilizzare internet in biblioteca, al lavoro, a scuola o al bar locale.
  •         Gettate via, distruggete, vendete o donate la vostra console per videogiochi o la TV.
  •         Scambiate il vostro ultimo modello di smartphone per un cellulare pieghevole.
  •         Fate un lungo viaggio zaino in spalla.
  •         Fate un lungo ritiro di meditazione.

Queste idee possono sembrare intimidatorie. Personalmente metterle in pratica era come cavare il mio occhio destro e gettarlo via, per salvare tutto il mio corpo. È difficile? O si. Ne vale la pena? Certamente.

Condividete la buona notizia

Quale modo migliore di piantare fiori, in senso metaforico, nel giardino della vostra mente piuttosto che usare la tecnologia per rafforzare la vostra relazione con Dio e servirLo? Ecco alcune idee:

  •         Ascoltate un discorso della Conferenza Generale sul vostro tragitto giornaliero
  •         Condividete le scritture, articoli e messaggi edificanti attraverso i social media
  •         Partecipate ai movimenti dei social media come I Mormoni, e Valori Cristiani
  •         Create un profilo su Mormon.org per condividere la vostra testimonianza con il mondo
  •         Studiate le Scritture e prendete appunti sul vostro computer
  •         Raggiungete un amico scoraggiato via e-mail, telefono, sms o Facebook

Create un piano

Ora che avete letto (o sfogliato) tutte queste idee, spero che abbiate un’idea migliore di ciò che volete fare per avere un controllo sulla vostra relazione con i vostri dispositivi elettronici.

È tempo di prendere quelle idee e trasformarle in un chiaro piano d’azione. Se la vostra visione include tutta la tua famiglia, è tempo di un consiglio di famiglia.

Ecco alcune domande a cui rispondere nel vostro piano:

  •         Qual è la vostra principale motivazione per il cambiamento?
  •         Quali idee volete sviluppare?
  •         Come potete trasformare queste idee in obiettivi che funzioneranno per voi? (Ricordate di stabilire obiettivi S.M.A.R.T. (S sta per specifici, M per misurabili, A per attendibili, R per Rilevanti e T per legati al tempo. Potreste anche voler incorporare gradualmente i vostri obiettivi, in modo da non farvi travolgere).
  •         Che cosa farete quando vi sentirete tentati di trascorrere troppo tempo sui vostri dispositivi elettronici?
  •         Se e quando vi incasinate, qual è il vostro piano per tornare a una routine sana?

Aiutate gli altri a cambiare

Quando inizierete a realizzare il vostro piano, inizierete a vedere la vostra vita trasformarsi. Sarete più produttivi, la vostra connessione con amici e parenti aumenterà e il vostro rapporto con Dio sarà rafforzato.

Ma andrete comunque al bar locale e vedrete persone sui loro portatili e iPad. Vedrete le persone per strada con le cuffie. Avrete amici che controllano costantemente i loro telefoni o passano la maggior parte del loro tempo libero a giocare ai videogiochi o a guardare la TV.

Continuerete a vedere i membri della famiglia sprecare il loro tempo sul computer.

Questo può essere frustrante. Per prima cosa, potrebbe innescare il vostro desiderio di connettersi. Per un’altra cosa, potreste volerli liberare dalla distorsione temporale della tecnologia.

Potreste voler dire alla gente di togliere le cuffie e parlare con voi. O potreste volerli incoraggiare a cambiare.

C’è un momento e un posto per questo, certamente. Spero che questo articolo sia uno di quelli. Un consiglio però: procedete con cautela. Prima di aprire la bocca, ponetevi domande come:

  • “Sono certo che questa persona ha davvero bisogno di cambiare quello che stanno facendo?”
  • “Che cosa ha passato questa persona? Sono pronti a cambiare? “
  • “Sto parlando da un luogo d’amore?”

Se le risposte a una di queste domande sono un no definitivo, è probabilmente meglio tacere e astenersi dal giudizio.Se decidete di continuare, ricordate i principi di DeA 121: 41-44.

Questo vi aiuterà a giudicare rettamente. Quindi lo proverete? È stupefacente! Congratulazioni per aver avuto il coraggio di cambiare. Raccontateci tutto nei commenti.

Questo articolo è stato scritto da Melanie Blakely ed è stato pubblicato su mormonhub. Questo articolo è stato tradotto da Nadia Manzaro.

The following two tabs change content below.

Nadia Manzaro

Nadia è laureata in Scienze e Tecnologie Agrarie; dopo la laurea ha conseguito due master e ha insegnato per un certo periodo alla scuola superiore. Il suo desiderio è di poter tornare a insegnare.  E’ stata anche un’insegnante nella Società di Soccorso, all’Istituto e in Primaria. Ama i bambini e soprattutto le sue due principesse. Nel tempo libero le piace frequentare corsi di pasticceria, prendersi cura delle sue gattine e stare in campagna. Ama il Vangelo e ha una testimonianza di Gesù Cristo, di cui continua a portare testimonianza, sin dai tempi della missione in Inghilterra.
Copyright © 2018 gesucristo.org. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.

Pin It on Pinterest