missionari mormoniLa chiave di questo lavoro è l’osservare le alleanze. In nessun altro modo possiamo richiamare e dimostrare i poteri della divinità.

Vi parlerò della grandissima importanza di osservare le alleanze – io le mie e voi le vostre. Questo è un argomento molto più grande di una semplice discussione sull’obbedienza, anche se l’obbedienza ne è sicuramente una parte. Ed è un argomento molto personale.

In un certo senso è l’argomento più fondamentale di cui si può discutere nel piano del vangelo, perché solo coloro che stringono ed osservano le alleanze possono reclamare le benedizioni finali del regno celeste.

Si, quando parliamo di osservare le alleanze, stiamo parlando del cuore e dell’anima del nostro scopo nella mortalità.

Costruire il Regno un’alleanza alla volta

battesimoUn’alleanza è un contratto spirituale vincolante, una solenne promessa a Dio, nostro Padre, che noi vivremo, penseremo ed agiremo in un certo modo- il modo di Suo Figlio, il Signore Gesù Cristo. In cambio, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo ci promettono il pieno splendore della vita eterna.

Secondo me è interessante che le alleanze siano fatte personalmente, individualmente. C’è un’alleanza al momento del battesimo e della confermazione, che ci introduce sulla via della vita eterna.

Quelle ordinanze sono amministrate per ciascun individuo, uno alla volta, e non ha importanza quanti dovranno riceverle alla fine.

C’è un’alleanza quando gli uomini ricevono il sacerdozio. Quel conferimento è sempre dato ad ogni individuo alla volta.

Le più grandi alleanze che possiamo fare sono nel Tempio. E’ lì dove facciamo le nostre promesse più solenni al nostro Padre Celeste e dove Lui ci manifesta pienamente il vero significato delle Sue promesse.

Ancora una volta, queste sono esperienze individuali, anche se andiamo al Tempio per essere suggellati ad altri individui.

Il regno di Dio è stato edificato in questo modo – una persona alla volta, un’alleanza alla volta, tutte le strade del nostro viaggio mortale che portano alle ultime alleanze del sacro Tempio.

Il ruolo delle Alleanze del Tempio

tempio mormoneE’ molto importante per voi capire che andare al Tempio per la vostra dotazione, incluse le magnifiche ordinanze che vi preparano alla dotazione, è parte integrante della vostra preparazione ed impegno missionario

Quando andrete al Tempio, inizierete a capire il significato delle ordinanze del Tempio, l’inseparabile legame tra la vostra dotazione e il vostro successo in missione.

Infatti, la parola dotazione suggerisce la natura di quel legame vitale. Una dotazione è un dono. Ha la stessa radice della parola dote, che è un dono speciale per una nuova coppia per iniziare la loro vita matrimoniale.

Quando ero presidente della Brigham Young University, ho trascorso un certa quantità del mio tempo cercando di consolidare le dotazioni dell’università, ovvero la sua preziosa collezione di doni ricevuti da dei generosi donatori.

Questo è quello che Dio fa per noi ogni volta che stringiamo un’alleanza con Lui. Egli ci dota. Noi promettiamo di fare certe cose, che dipendono dall’ordinanza, e Lui ci promette doni speciali in cambio – doni meravigliosi, doni incredibili, quasi incomprensibili.

Così io vi dico, come dico a me stesso – se vogliamo veramente aver successo nelle nostre chiamate, se vogliamo avere accesso ad ogni aiuto, ad ogni vantaggio ed a ogni benedizione dal Padre, se vogliamo avere la porta del cielo riversata su di noi affinché possiamo ricevere i poteri della divinità, dobbiamo osservare le nostre alleanze!

Sapete che non potete fare questo lavoro da soli. Noi abbiamo diritto dell’aiuto del cielo; noi dobbiamo avere i doni di Dio. Egli ha insegnato questo dall’inizio del lavoro in questa dispensazione. Negli insegnamenti “la redenzione di Sion”, il Signore ha detto:

“Affinché essi stessi siano preparati, e che il mio popolo sia istruito perfettamente, faccia esperienza, e conosca perfettamente il proprio dovere e le cose che gli richiedo.

E ciò non può realizzarsi finché i miei anziani non saranno investiti di potere dall’alto.

Poiché ecco, ho preparato una grande investitura e benedizione che sarà riversata su di loro, se sono fedeli e continueranno in umiltà dinanzi a me. (DeA 105:10-12).

Questo lavoro è così serio e l’opposizione dell’avversario è così grande che noi abbiamo bisogno di ogni potere divino per poter migliorare i nostri sforzi e contribuire a far progredire costantemente la Chiesa.

La chiave per questo, per noi come individui, è l’alleanza che stringiamo nel Tempio – la nostra promessa è di obbedire, di sacrificarci e di consacrarci al Padre e la Sua promessa è di darci potere mediante “la grande dotazione”.

Le alleanze e il lavoro del Signore

lavoro missionarioTutto questo vi aiuta a vedere quanto siano fondamentali le vostre promesse personali e individuali per la crescita e la grandezza di questo lavoro?

Come ogni altra cosa nel piano di salvezza, il successo di tutti gli anziani e sorelle nel mondo dipende da ciascun missionario, uno alla volta.

Non stringiamo le alleanze con rioni interi o pali. No, noi stringiamo le alleanze come fratello Brown o fratello Burns, Sorella Jones o Sorella Jensen. La chiave di questo lavoro è l’osservanza delle alleanze individuali.

Non so in quale missione servirete, ma non credo che il nostro Padre Celeste abbia fatto una promessa particolare alla vostra missione. So invece che ha fatto grandi promesse a voi, personalmente.

Quando una missione intera è unita dalla forza dell’integrità di ciascun missionario, da ogni missionario che osserva le proprie alleanze, è allora che possiamo spostare le montagne.

Quando c’è una tale unità e potere, un’investitura dal cielo, che arriva ad ogni individuo in missione, nulla può “impedire al lavoro di progredire”. È in questo modo che la “verità di Dio progredirà coraggiosamente, nobilmente ed indipendentemente (Joseph Smith, Storia della Chiesa, 4: 540).

Noi abbiamo questo tipo di fiducia quando non c’è nessun anello debole nella catena, quando non c’è nessuna crepa nell’armatura.

La guerra contro il male e l’errore è il modo attraverso il quale ogni vittoria del vangelo è raggiunta – un’alleanza alla volta, un individuo alla volta, un missionario alla volta.

Per questo motivo il Signore disse ai primi dirigenti della Chiesa, “Vi impegnerete ad agire in tutta santità dinanzi a me – cosicché se farete ciò, sarà aggiunta gloria al regno che avete ricevuto” (DeA 43:9-10).

Questo è il linguaggio dell’alleanza. Questo è precisamente quello che andiamo a fare al Tempio – legare noi stessi al Signore e l’uno all’altro, dopo con quella forza “agire in tutta santità”. In cambio, potere e gloria verranno su di noi e sul nostro lavoro.

Questo è precisamente il contesto dell’osservanza delle alleanze di cui il Signore disse, “Io, il Signore, sono vincolato quando fate ciò che dico; ma quando non fate ciò che dico non avete alcuna promessa” (DeA 82:10).

Fidatevi. La chiave di questo lavoro è osservare le nostre alleanze. In nessun altro modo possiamo reclamare e dimostrare i poteri della divinità. Voi avete la parola del Signore a riguardo.

Voi andrete al Tempio per prepararvi per la vostra missione. Osservate le alleanze che avete fatto lì, ciascuna di esse. Sono molto personali, sono promesse sacre che facciamo con il nostro Padre Celeste.

Una testimonianza sull’alleanza

battesimo missionari mormoneE così come vi chiedo questo, voglio che sappiate che anche io farò lo stesso. Osserverò anche io le mie alleanze. Una di queste alleanze è di essere, quale membro del Quorum dei dodici Apostoli, un testimone speciale “del nome di Cristo in tutto il mondo” (DeA 107: 23).

Nell’osservare le mie alleanze, io non solo porto testimonianza a voi oggi del Signore Gesù Cristo e della Sua crocifissione, ma sono un testimone – chiamato, ordinato, incaricato di portare questa testimonianza al mondo.

Sono felice di unirmi a voi in questo ministero, miei amati giovani amici. Voi andrete al Tempio per prepararvi per la vostra missione. Osservate le alleanze fatte lì, ciascuna di loro.

Io so che Dio vive, che Lui è letteralmente il nostro Padre Celeste, e che Lui manterrà sempre le Sue promesse. Io so che Gesù è il Cristo, il Figlio Unigenito del Padre nella carne, e il Salvatore del mondo.So che Egli soffrì, sanguinò e che morì affinché potessimo avere la vita eterna.

Io so che il Padre ed il Figlio apparvero al giovane profeta Joseph Smith, il grande profeta restauratore di questa dispensazione, che ha anche versato il suo sangue a testimonianza della sua chiamata, l’ultimo simbolo della propria lealtà alle proprie alleanze.

Io so che queste chiavi profetiche sono discese attraverso una catena ininterrotta, mediante la quale altri 15 uomini ora sono in possesso  di queste chiavi e del ministero profetico del Presidente Thomas S. Monson, il sommo sacerdote presidente di Dio sulla terra oggi.

Questo lavoro è vero. Queste dichiarazioni sono vere. Lo so indipendentemente da altri uomini o donne mortali che hanno vissuto prima di me.

Lo so mediante le manifestazioni dello Spirito Santo, che da direzione alla mia vita e significato alla mia testimonianza e che mi ha chiamato ad essere un testimone speciale del Redentore del mondo.

The following two tabs change content below.

collaboratore

Questo articolo è stato scritto da uno dei volontari di Mormoni.com Se siete interessati a contribuire con i vostri testi (oppure video, grafica ecc), per favore inviate un email a [email protected]
Copyright © 2017 gesucristo.org. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.

Pin It on Pinterest