migliori discorsi conferenza generaleDopo il martirio di Joseph Smith, gli apostoli tornarono dalle loro missioni e si radunarono a Nauvoo. Sidney Rigdon, estraneo dalla Chiesa, voleva essere ora il suo “guardiano”.

Indisse una conferenza per una certa data, ma era già stata programmata dall’Anziano Marks un po’ più avanti, per il giovedì 8 agosto 1844, dopo l’arrivo finale a Nauvoo di Brigham Young e degli altri apostoli.

Lo scopo della riunione era quello di sostenere un nuovo capo della Chiesa. Rigdon si era incontrato con gli apostoli, che si erano riuniti velocemente. Gli apostoli sentirono fermamente di possedere tutte le chiavi del regno.

Rigdon disse di aver avuto una visione, un’estensione di quella che condivise con Joseph, che diventò la sezione 76 di Dottrina e Alleanze.

Questo non impressionò i fratelli. Wilford Woodruff scrisse sul suo diario che la dichiarazione di Sidney era una “storia lunga”; era come una visione di seconda classe”.

Una solenne assemblea venne convocata più tardi quel giorno.

Brigham Young: la personificazione di Joseph Smith

Profeta Mormone Brigham YoungQuel giorno accadde un miracolo: Brigham Young venne trasfigurato davanti alle persone, e le successive crisi della Chiesa furono risolte… Sidney Rigdon parlò per un’ora e mezza riguardo al desiderio di essere il “guardiano” della Chiesa, ma questo non risvegliò nessuna emozione, e lui non disse nulla che lo fece riconoscere come il vero capo.

Brigham Young disse al pubblico presente che avrebbe preferito passare un mese a piangere il profeta morto invece di partecipare in maniera così rapida alla riunione per scegliere un nuovo Pastore.

Mentre parlava, venne miracolosamente trasfigurato davanti alle persone presenti.

Erano presenti persone di tutte le età, che più tardi registrarono la loro esperienza. Benjamin F. Johnson, che al tempo aveva ventisei anni, ricordò, “Appena Brigham Young parlò, mi alzai in piedi, perchè udii la voce di Joseph, e nella sua stessa persona, nella sua apparenza, attitudine e abbigliamento, era Joseph, personificato in lui; ed io seppi in quel momento che lo spirito e il mantello di Joseph era su di lui”.

Zina Huntington, che era una giovane donna di 21 anni, disse: “Presidente Young stava parlando. Era la voce di Joseph Smith, non quella di Brigham Young.

La sua stessa persona mutò […] chiusi i miei occhi. Potevo esclamare che sapevo che era la voce di Joseph Smith! Sapevo che era andato, ma il suo spirito era con il popolo”.

Questo miracolo portò i santi all’unisono sotto la guida di Brigham Young.

Brigham Young: La vera religione significa soccorrere i pionieri arenati

soccorrere i pionieri mormoni“Come i santi si prepararono per la conferenza generale a Salt Lake City nell’ottobre 1856, tutti pensarono che l’arrivo del terzo carretto a mano avesse concluso l’immigrazione di quell’anno.

Ma Franklin D. Richards, che era entrato nella valle due giorni prima della conferenza, annunciò che altre due compagnie di carretti a mano e due carretti trainati da buoi, erano ancora in pianura ed avevano disperatamente bisogno di cibo e vestiti per terminare il viaggio.

“Quando Brigham Young apprese che queste compagnie erano ancora in viaggio, parlò ai santi che si erano riuniti per la conferenza generale.

La riunione fu effettivamente tenuta il 5 ottobre, un giorno prima della convocazione effettiva della conferenza. Brigham Young disse:

“Il testo sarà,”per farli arrivare”. […]

“Chiamerò oggi i vescovi, non aspetterò fino a domani, né fino al giorno successivo, per 60 buoni muli e 12 o 15 carretti. …

“Vi dirò che la vostra fede, la religione e la professione della religione non salverà mai una sola anima di voi nel Regno Celeste del nostro Dio, a meno che non eseguiate solo questi principi come ora vi sto insegnando. Andate e portate quelle persone nella pianura “.

La risposta fu impressionante. Sedici carretti carichi di alimenti e provviste furono rapidamente assemblati; E la mattina del 7 ottobre, sedici squadre di quattro muli e ventisette giovani uomini (conosciuti come “Gli uomini del Minuto di Brigham Young”) si diressero verso est con le loro prime provviste.

Venne sollecitato altro aiuto, ed ottenuto da tutte le parti del territorio. Alla fine di ottobre, duecentocinquanta squadre erano in strada per dare sollievo”.

Thomas B. Marsh: la sua apostasia ed il ritorno in Chiesa

apostasia ed il ritorno in ChiesaThomas B. Marsh fu una volta presidente dei Dodici ma perse la sua testimonianza, si ribellò contro la Chiesa e se ne andò. Penitente, andò a Salt Lake City e fu invitato dal profeta Brigham Young a parlare con i membri della Chiesa nel Bowery a Salt Lake, domenica 6 settembre 1857.

Fratello Marsh disse:

Ho cercato diligentemente di conoscere lo Spirito di Cristo da quando mi rivolsi verso Sion, e credevo di averlo ottenuto.

Ho da sempre voluto sapere come cominciò la mia apostasia, ed arrivai alla conclusione che dovevo aver perso lo Spirito del Signore dal mio cuore.

La domanda successiva è: “Come e quando persi lo Spirito?”

Divenni geloso del Profeta, e poi vidi oltre ciò che era giusto e passai il mio tempo a guardare il male; e poi, quando il Diavolo iniziò a guidarmi, fu facile per la mente carnale prendere possesso di me, il quale mi causò rabbia, gelosia e ira.

Potevo sentirli in me. Mi sentii arrabbiato ed irato; e lo Spirito del Signore iniziò ad andarsene, come dicono le scritture, fui accecato, e pensai di vedere la trave nell’occhio di Joseph, ma non era che una pagliuzza, ed era il mio occhio ad avere una trave; ma pensavo di aver visto una trave nel suo, e volevo levargliela; e, come disse fratello Heber, divenni arrabbiato, e volevo che tutti fossero arrabbiati.

Parlai con fratello Brigham e fratello Heber, e volevo che loro divenissero arrabbiati come ero io. Quando vidi che loro non si arrabbiarono, io fui ancora più arrabbiato.

Fratello Brigham, con uno sguardo prudente, disse: “Sei tu a capo della Chiesa, fratello Thomas?” Io risposi: “No”. “Quindi”, disse lui, “perché non lo lasci da solo?”

Ecco, questa era la mia ipocrisia – mi immischiavo con ciò che non era di mia competenza.

Ma lasciatemi dire, miei fratelli ed amici, se non volete soffrire nel corpo e nella mente, come ho fatto io, – se c’è qualcuno di voi che ha i semi dell’apostasia, non lasciateli crescere, ma fermate quello spirito sul nascere; poiché è miseria e afflizione in questo mondo, e distruzione nel mondo a venire.

Wilford Woodruff: La fine della poligamia sulla terra

poligamia mormoneSotto gli atti di Edmunds-Tucker, il governo degli Stati Uniti sperava di porre fine alla poligamia. L’atto di Edmunds-Tucker del 1887 includeva anche disposizioni volte a distruggere la Chiesa come entità politica ed economica.

La legge sciolse ufficialmente la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni come società legale e richiese alla Chiesa di forfettare al governo tutte le proprietà superiori a cinquantamila dollari.

Molti dei suoi dirigenti, mariti e padri furono imprigionati. Le mogli furono costrette a testimoniare contro i loro mariti, i diritti di voto furono ridotti e la vita divenne molto difficile per i santi.

Wilford Woodruff aveva 80 anni quando iniziò a guidare la Chiesa.

Anche se gli arresti e gli incarceramenti causarono la sofferenza delle famiglie, il problema più grande per la Chiesa fu la sua incapacità di detenere i fondi necessari per costruire templi, fare il lavoro missionario, pubblicare materiale e garantire il benessere dei santi.

Fu verso la fine di agosto quando il presidente Woodruff ricevette la conferma che il governo degli Stati Uniti, nonostante un accordo del 1888 che promise che i templi non sarebbero stati disturbati, li avrebbe invece confiscati.

Il presidente Woodruff  disse più tardi che il Signore gli aveva mostrato per rivelazione esattamente quello che avrebbe avuto luogo se il matrimonio plurimo non fosse cessato.

La totale distruzione della Chiesa. Dopo una grande lotta spirituale, Woodruff redisse il Manifesto, ora Dichiarazione Ufficiale 1 in Dottrina e Alleanze, terminando la poligamia tra i Santi.

La Conferenza Generale venne convocata la mattina di sabato 4 ottobre 1890 e durò tre giorni. Fu il terzo giorno della conferenza che il presidente George Q. Cannon annunciò il Manifesto e poi chiese a Orson F. Whitney, allora vescovo del 18 ° Rione di Salt Lake City, di leggere il documento.

I Santi presenti, riconoscendo l’autorità del Profeta e dei Fratelli, lo accettarono all’unanimità (dalla “Storia della Chiesa nella pienezza dei tempi”).

Lorenzo Snow: Pagate la decima

Pagate la decimaAnche dopo che il profeta Lorenzo Snow introdusse la pena di scomunica per coloro che continuavano a praticare la poligamia, la Chiesa non si  recuperò finanziariamente.

La Chiesa di indebitò di circa 300.000 dollari come risultato diretto dell’atto Edmunds-Tucker. Si occupava anche delle famiglie degli uomini imprigionati per il matrimonio plurimo, nonché delle loro spese legali e giudiziarie.

I ricavi della decima diminuirono nel 1880 perché i membri furono riluttanti a contribuire quando il governo federale stava confiscando il denaro. La Chiesa fu costretta a prendere in prestito denaro da istituzioni finanziarie mondane.

Il presidente Lorenzo Snow pregò a lungo e duramente riguardo alla situazione, desiderando utilizzare le risorse della Chiesa per far andare avanti l’opera del Signore e portarla ad una solida situazione finanziaria.

Il Presidente Snow visitò il Sud dello Utah durante un periodo di terribile siccità. Mercoledì 17 maggio 1899, nella sessione di apertura della conferenza nel Tabernacolo di St. George, il presidente Snow disse ai santi:

“Siamo in mezzo a voi perché il Signore mi ha indirizzato a venire; Ma lo scopo della nostra visita non è chiaramente noto al momento, ma mi sarà reso noto durante il nostro soggiorno in mezzo a voi “.

LeRoi C. Snow, figlio del presidente, che stava riportando la conferenza per la Deseret News, ricordò quello che accadde: “All”improvviso il padre interruppe il suo discorso.

La totale tranquillità riempì la stanza. Non dimenticherò mai l’emozione. Quando cominciò a parlare, la sua voce si rafforzò e l’ispirazione di Dio sembrò venire su di lui, oltre che sull’intera  assemblea.

I suoi occhi sembravano brillare, come anche il suo volto. Era insolitamente ripieno di potere. Poi rivelò ai Santi degli Ultimi Giorni la visione che era davanti a lui “.

Il presidente Snow disse ai santi che poteva vedere che il popolo aveva trascurato la legge della decima e che la Chiesa sarebbe stata sollevata dal debito se i membri avessero pagato una decima onesta.

Poi disse che il Signore era dispiaciuto con i santi per non aver pagato la loro decima e promise loro che se avessero pagato le loro decime la siccità sarebbe stata rimossa e avrebbero avuto un abbondante raccolto.

Sotto ispirazione, aveva messo in moto il programma che, nel 1907, avrebbe completamente liberato la Chiesa dal debito.

Molti santi testimoniarono che non solo le cateratte del cielo furono aperte per salvare la Chiesa, ma anche coloro che seguirono questa legge divina furono benedetti spiritualmente e temporalmente (“Storia della Chiesa nella pienezza dei tempi”).

Boyd K. Packer: Coccodrilli spirituali

Coccodrilli spiritualiLe storie fanno sempre parte dei più memorabili discorsi della Conferenza Generale, e questo di Boyd K. Packer è un discorso che rimarrà per sempre con noi.

A volte pensiamo di conoscere ciò che ci circonda e non riusciamo a vedere i pericoli attorno a noi, e non ascoltiamo i consigli degli altri.

L’anziano Packer fece questo discorso nell’aprile del 1976 e puntò l’attenzione soprattutto sui giovani della Chiesa:

“Le antilopi, in particolare, erano molto nervose. Si avvicinavano al buco nel fango, solo per girarsi e scappare molto spaventate. Ho notato che non c’erano leoni e chiesto la guida perché non bevevano.

La sua risposta, e questa è la lezione, era “coccodrilli”. “Pensavo scherzasse e gli ha chiesto seriamente: ” Qual è il problema? “La risposta fu nuovamente: “Coccodrilli”. “Sciocchezze”, dissi. “Non ci sono coccodrilli là fuori. Chiunque può notarlo “.

Bruce R. McConkie: La sua testimonianza finale

Bruce R. McConkieVenne in realtà chiamato “Potere purificante del Getsemani”, questo discorso commovente è ricordato con affetto e gratitudine da parte di tutti coloro che l’abbiano ascoltato. Bruce R. McConkie stava morendo di cancro.

Tenne questo discorso alla Conferenza Generale di Aprile 1985 e morì poco, dopo il 19 aprile. Questa fu la sua emozionante testimonianza finale:

“E ora, per quanto riguarda questa perfetta espiazione, fatta tramite lo spargimento del sangue di Dio, io testimonio che si è svolto nel Getsemani e sul Golgota, e per quanto riguarda Gesù Cristo, testimonio che è il Figlio del Dio vivente e fu crocifisso per i peccati del mondo.

Egli è il nostro Signore, il nostro Dio e il nostro Re. So questo da me stesso, indipendente da qualsiasi altra persona. “Io sono uno dei suoi testimoni, e un giorno sentirò i segni dei chiodi nelle Sue mani e nei Suoi piedi e bagnerò i Suoi piedi con le mie lacrime.

“Ma io non saprò nulla di più di quello che so ora riguardo al fatto che Egli è il Figlio dell’Onnipotente Iddio, che è il nostro Salvatore e Redentore e che la salvezza viene attraverso e attraverso il suo sangue espiatorio ed in nessun altro modo”.

Ezra Taft Benson: State attenti all’orgoglio

Il Presidente Ezra Taft Benson ha espresso questo nella Conferenza Generale dell’Aprile del 1989. È un discorso che serve come punto di riferimento per i mali dell’orgoglio.

“La maggior parte di noi pensa all’orgoglio come egoismo, presunzione, vanteria, arroganza, o superbia. Tutti questi sono elementi del peccato, ma il cuore, o il nucleo, manca ancora.

“La caratteristica centrale dell’orgoglio è l’inimicizia – l’inimicizia verso Dio e l’inimicizia verso i nostri simili. L’inimicizia significa “odio verso, ostilità a, o uno stato di opposizione”. È il potere per cui Satana desidera regnare su di noi”.

Bonus: Il devozionale della BYU di Hugh B. Brown

Profilo di un profetaProfilo di un profeta

Hugh B. Brown ha tenuto questo memorabile discorso, chiamato il Profilo di un Profeta, alla BYU nell’ottobre 1955. L’anziano Brown raccontò una storia riguardante il portare la testimonianza sulla restaurazione sotto la guida del profeta Joseph Smith, sostenendo logicamente la sua testimonianza.

Giovanni, l’amato discepolo di Gesù, dichiarò: “La testimonianza di Gesù è lo spirito di profezia” (Apocalisse 19:10). Se Joseph Smith aveva la testimonianza di Gesù, aveva lo spirito di profezia. E se aveva lo spirito di profezia, era un profeta.

Presento a voi, e ho presentato al mio amico, che come ogni uomo vive, aveva una testimonianza di Gesù, perché, come i vecchi apostoli, lo ha visto e lo ha sentito parlare.

Diede la sua vita per quella testimonianza. Sfido qualunque uomo a nominare qualcuno che ha dato più evidenze della divina chiamata di Gesù Cristo, del Profeta Joseph Smith.

Dio è il giardiniere

Uno dei discorsi più famosi della storia della Chiesa è il discorso di Hugh B. Brown “Dio è il Giardiniere”, che include la Parabola del cespuglio, raccontato nel maggio 1968.

È importante non solo continuare a crescere, ma anche essere versatili, avere capacità di adattamento senza la paura di avventurarsi. In altre parole, essere aggiornato.

Cercate di ottenere una certa flessibilità di mente che vi ispirerà ad ascoltare, imparare ed adattarsi, mentre passi avanti in un universo nuovo e sempre in espansione.

The following two tabs change content below.

Mattia di Liberto

Mattia è uno studente risiedente in un paesino del milanese. Attualmente sta studiando come Strumentista di Sala Operatoria a Lugano, dove abita da lunedì a venerdì. Nel weekend, quando torna a casa a Milano, è solitamente impegnato a prestare soccorso in ambulanza, dove svolge servizio come soccorritore volontario del 118. Tra i mille impegni di studio e lavoro, riesce a trovare tempo da dedicare alla Chiesa, che ama profondamente e di cui ha una forte testimonianza. Ha svolto una missione in Colorado, che ha terminato a settembre 2015. Ama lavorare con i giovani, infatti è stato primo consigliere della Presidenza dei Giovani Uomini per lungo tempo, e attualmente svolge un incarico come insegnante della Scuola Domenicale dei ragazzi dai 12 ai 15 anni nel suo rione di Muggiò, in provincia di Monza.

Ultimi post di Mattia di Liberto (vedi tutti)

Copyright © 2018 gesucristo.org. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.

Pin It on Pinterest