vergine maria

Ecco, la vergine che vedi è la madre del Figlio di Dio, secondo la carne. 1 Nefi 11:18

Quando Nefi chiese allo Spirito del Signore il significato dell’albero visto nel sogno del padre (1 Nefi 11:11), lo Spirito apparentemente cambiò argomento, e richiamò l’attenzione di Nefi su una “vergine.”

Nefi disse che “ella era straordinariamente leggiadra e pura”, e “più bella e più leggiadra di ogni altra vergine” (1 Nefi 11:13,15).

Mentre la visione va avanti, Nefi vide questa donna “che portava un bambino tra le sue braccia” (1 Nefi 11:20), e l’angelo che lo accompagnava disse a Nefi che lei era “la madre di Dio, secondo la carne,” come si trova nel testo originale.

Da questa visione, Nefi in qualche modo arriva a capire il significato dell’albero della vita (1 Nefi 11: 21-22).

Nel 1998, Daniel C. Peterson notò un collegamento fondamentale tra l’albero e la vergine. Gli aggettivi che descrivono la vergine (“più bella,” “più leggiadra”, “pura”) paragonati a quelli usati per l’albero (“superava ogni bellezza,” e “il suo candore sorpassava il candore della neve sospinta dal vento”), sono sinonimi (1 Nefi 11:8).

Così come l’albero portò frutti, la vergine portava un bambino (1 Nefi 11:7,20). “Chiaramente”, fa notare Peterson, la vergine con il bambino che intravede Nefi è la risposta alla sua domanda sul significato dell’albero. Invero, è evidente che, in un certo senso, la vergine è l’albero”.

Mentre Peterson va avanti per spiegare, gli studiosi recentemente sono giunti ad accettare che nell’antica religione israelita, c’era una fede in una dea madre chiamata Asherah, che era rappresentata dall’albero della vita. Il simbolismo è esteso attraverso l’antico Vicino Oriente, e può essere visto in associazione con altre divinità di diverse culture.

Nel 2011, l’egittologo John S. Thompson andò avanti per esplorare degli ulteriori collegamenti tra le dee egiziane e gli alberi sacri. Thompson notò che mentre la maggior parte delle culture del Vicino Oriente evidenziavano la sensualità delle tre dee, gli Egiziani enfatizzavano il loro ruolo materno, infatti spesso rappresentavano le tre dee mentre accudivano un bambino. 

L’ Israelita Asherah era allo stesso modo rappresentata come madre e meno sessualizzata – lei era la “madre degli dei” e quindi considerata la madre dei re della stirpe di Davide.

La vergine Maria

Nulla è più importante nell’adorazione cristiana di riconoscere Gesù Cristo quale Figlio di Dio, nato da una vergine, che divenne carne a somiglianza di suo Padre (Giovanni 17:3; Ebrei 1:1-3).

Il libro di Mormon, quale altra testimonianza e alleanza di Dio, testimonia “che Gesù è il Cristo, il Dio eterno” mentre lui “manifesta se stesso a tutte le nazioni” (pagina frontale del Libro di Mormon).

L’antico Mormon, che ha compendiato il libro di Mormon, porta testimonianza di aver scritto questo libro “con l’intento che possiate credere” la Bibbia, cosi che le persone moderne possano conoscere le opere meravigliose e miracolose che furono operate “dal potere di Dio tra di loro” (Mormon 7:9).

L‘idea di una madre divina va fortemente d’accordo con la fede dei Santi degli Ultimi Giorni nella Madre Celeste.5 Anche se Maria non è identificata come Madre Celeste, l’antica cultura israelita e egiziana fa luce sulla visione di Nefi e su come lui ha dato un senso all’immaginario.

Come le religioni israelite e egiziane associavano un albero sacro a una madre di dei e re, così la guida di Nefi ha legato insieme l’idea dell’albero della vita con “la madre di Dio, secondo la carne”, il cui figlio era il Messia, il vero re di Davide.

Le persone in ogni parte del mondo possono apprezzare la bellissima forza e effetto della rivelazione di Nefi. Samuel Zimmer, uno studioso non-SUG degli studi di Enoch, ha evidenziato che il simbolismo nella visione di Nefi, “implica una teologica continuità tra l’albero della vita, la Signora Gerusalemme, la Signora Nazareth, e la vergine Maria.

Queste sono specializzazioni o rifrazioni di Asherah. Margaret Barker, un’altra studiosa non SUG dell’Antico Testamento, è meravigliata che nella visione di Nefi “è la Madre Celeste, rappresentata dall’albero della vita, e poi Maria e suo Figlio sulla terra.

Questa rivelazione a Joseph Smith era l’antico simbolismo del buon senso, intatto, e quasi certamente così come era noto nel 600 P.E.V. (d.C.)

Questo articolo è stato pubblicato su Book of Mormon Central sul sito Book of Mormon Central. Questo articolo è stato tradotto da Nadia Manzaro.

The following two tabs change content below.

Nadia Manzaro

Nadia è laureata in Scienze e Tecnologie Agrarie; dopo la laurea ha conseguito due master e ha insegnato per un certo periodo alla scuola superiore. Il suo desiderio è di poter tornare a insegnare.  E’ stata anche un’insegnante nella Società di Soccorso, all’Istituto e in Primaria. Ama i bambini e soprattutto le sue due principesse. Nel tempo libero le piace frequentare corsi di pasticceria, prendersi cura delle sue gattine e stare in campagna. Ama il Vangelo e ha una testimonianza di Gesù Cristo, di cui continua a portare testimonianza, sin dai tempi della missione in Inghilterra.

Ultimi post di Nadia Manzaro (vedi tutti)

Copyright © 2017 gesucristo.org. Tutti i diritti sono riservati.
Questo sito web non è in possesso o affiliato alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (a volte denominata Chiesa Mormone). Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la posizione della chiesa. Le opinioni espresse dai singoli utenti individuali sono responsabilità degli utenti stessi e non rappresentano necessariamente la posizione della Chiesa. Per poter visitare i siti ufficiali della Chiesa, si prega di visitare LDS.org o Mormon.org.

Pin It on Pinterest