battesimo mormone

Il battesimo per immersione. Vi è mai capitato di “sentire” qualcosa dentro di voi che non riuscite bene ad identificare?

Il battesimo per immersione. Nel periodo in cui svolgevo servizio missionario a tempo pieno per la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni ebbi svariate esperienze con questa “voce interiore” che hanno senza dubbio arricchito il mio bagaglio spirituale.

Alcune di esse sono ancora fisse in modo indelebile nella mia memoria e mi hanno lasciato insegnamenti preziosi.

Il battesimo per immersione

Gesù in risposta a delle domande poste dal fariseo Nicodemo disse:” In verità, in verità ti dico che se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio”(Giovanni 3:5).

Sebbene Nicodemo rimase stupito e non comprese pienamente le parole del Maestro, il Salvatore nell’emisfero orientale della terra come in quello occidentale  ha chiaramente spiegato la necessità del battesimo per immersione nell’acqua e nel fuoco, ossia di Spirito. In un’altra occasione

Egli insegnò: “E di nuovo vi dico, dovete pentirvi, ed essere battezzati nel mio nome e divenire come un fanciullo, altrimenti non potrete in alcun modo ereditare il regno di Dio”.

 39  In verità, in verità, io vi dico che questa è la mia dottrina, e chiunque acostruisce su di essa costruisce sulla mia roccia; e lebporte dell’inferno non prevarranno su di lui.

40  E chiunque dichiarerà di più o di meno di questo, annunciandola come mia dottrina, questi viene dal male e non è edificato sulla mia roccia; ma costruisce su afondazioni di sabbia, e le porte dell’inferno stanno aperte per riceverlo, quando verranno le piene e i venti si abbatteranno su di lui.

41 Andate dunque a questo popolo, e proclamate le parole che ho detto, fino alle estremità della terra.”(3Nefi 11:38-41)

Il messaggio del Salvatore, come sempre, non si limitava ad affermare la verità di ciò che promulgava solo attraverso l’insegnamento verbale, Egli stesso mostrava mediante l’esempio la strada giusta da percorrere:” Allora Gesù dalla Galilea si recò al Giordano da Giovanni per essere da lui battezzato per immersione.

Ma questi vi si opponeva dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?» Ma Gesù gli rispose:

«Sia così ora, poiché conviene che noi adempiamo in questo modo ogni giustizia». Allora Giovanni lo lasciò fare. Gesù, appena fu battezzato, salì fuori dall’acqua; ed ecco i cieli si aprirono ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui”(Matteo 3:13-16).

Il dono dello Spirito Santo

Il battesimo per immersione come si evidenzia dalla dottrina e dall’esempio di Cristo è seguito dal battesimo di fuoco, ossia dal ricevimento del dono dello Spirito Santo.

L’ordinanza della confermazione che consente al battezzando di ricevere lo Spirito Santo è una delle cerimonie fondamentali e parte essenziale della dottrina della Chiesa restaurata di Gesù Cristo.

Una volta che una persona riceve tale dono per imposizione delle mani da un degno detentore del Sacerdozio, ha diritto alla compagnia costante del terzo membro della divinità. Tra i vari ruoli che lo Spirito Santo ricopre apprendiamo dalle scritture  anche quello della funzione di guida:

“Poiché ecco, vi dico di nuovo che, se voi entrerete per questa via e riceverete lo Spirito Santo, egli vi mostrerà tutte le cose che dovrete fare”.

La guida dello Spirito si manifesta in svariate maniere: può essere come accennavo una voce, un sentimento, un’impressione o altro.

Cos’era quella sensazione?

Durante la mia missione a tempo pieno, in un giorno come un altro il mio collega ed io avevamo pianificato di fare diverse visite nel corso della giornata.

In particolare, nel pomeriggio saremmo prbattesimo per immersioneima passati da una famiglia con la quale avevamo perso da tempo i contatti e, successivamente, avremmo fatto visita ad una signora anziana che vedevamo settimanalmente.

Mentre ci accingevamo a percorrere l’itinerario necessario per arrivare al nostro primo appuntamento pomeridiano, improvvisamente ebbi una strana sensazione.

All’inizio non vi prestai attenzione, ma poiché quello strano sentimento si ripresentò nuovamente dopo qualche secondo, decisi di comunicare al mio collega quello che stavo provando.

Continuammo a percorrere un altro po’ di strada ma dopo qualche metro mi arrestai in quanto finalmente nella mia mente si fece chiarezza e riuscì a capire ciò che lo Spirito stava cercando di comunicarmi tramite quella sensazione poco prima indecifrabile: dovevamo cambiare programma e senza perdere tempo andare immediatamente dalla signora anziana.

Con un passo frenetico decidemmo di seguire quell’ispirazione. Nel momento stesso in cui giungemmo a destinazione, ricevemmo una chiara spiegazione del perché sentivamo di recarci così velocemente e contro i nostri piani iniziali, a casa di quella signora:

Dei ladri avevano appena derubato all’interno dell’abitazione e noi trovammo l’innocente signora in lacrime, sola ed in preda al panico.

Il Signore, nella Sua infinita bontà ed onniscienza, ci aveva inviato a consolare una persona sola in un momento di grande bisogno.

Il Presidente Thomas S. Monson, attuale Presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei S.U.G, ha insegnato spesso che non c’è niente di più bello e di gratificante del sapere di essere la risposta concreta ad una preghiera di qualcun’altro.

Il più delle volte offriamo tale servizio quando ascoltiamo attentamente e obbediamo alla dolce voce e sommessa dello Spirito che ci invita a fare del bene.

The following two tabs change content below.

collaboratore

Questo articolo è stato scritto da uno dei volontari di GesuCristo.org. Se siete interessati a contribuire con i vostri testi (oppure video, grafica ecc), per favore contattaci.

Ultimi post di collaboratore (vedi tutti)

Tag:

Pin It on Pinterest